Caratterizzata da debolezza e mancanza di forza, la stanchezza eccessiva è una condizione estremamente comune che coinvolge sia il corpo che la mente e può arrivare anche a condizionare le normali attività quotidiane, se si prolunga per lunghi periodi. Spesso, le condizioni di stanchezza psico-fisica sono causate da una patologia che ne è all’origine oppure da carenze nutrizionali. Più raramente, se lo stato di astenia dura per oltre sei mesi, potrebbe essere diagnosticata la sindrome da stanchezza cronica, chiamata anche encefalomielite mialgica o malattia da intolleranza sistemica allo sforzo (CFS). In questo caso, la stanchezza non va via con il riposo ed è talmente intensa da rendere difficile lo svolgimento di qualsiasi attività, come lavarsi, mangiare, fare attività fisica. 

Quali sono i sintomi?

L'astenia si manifesta innanzitutto come senso di spossatezza, mancanza di energia sia dal punto di vista fisico che mentale, sbalzi d’umore, difficoltà di concentrazione, stanchezza e sonno.

Stanchezza fisica e mentale: quali sono le cause?

La stanchezza fisica, come suggerisce il nome, viene causata da fattori che coinvolgono il nostro corpo, come alcune malattie, sforzi fisici, condizioni particolari: eccessiva magrezza o obesità, mancanza di sonno, jet lag, gravidanza e allattamento, anemia o ipotiroidismo possono essere all’origine della stanchezza fisica. Causano, invece, stanchezza mentale periodi di particolare stress, ansia, preoccupazioni sia reali che irreali. 

Esistono poi dei periodi che "naturalmente" predispongono l'organismo ad avvertire maggiormente stanchezza e sonnolenza: è il caso della cosiddetta astenia primaverile, ovvero quella condizione che si verifica in concomitanza con l’allungarsi delle giornate e con il passaggio dall’ora solare a quella legale. Questi fattori colgono alla sprovvista il nostro corpo che, abituato ai ritmi dell'inverno, trova difficoltà ad adattarsi ai nuovi ritmi che gli impongono di spendere più energie del solito. Talvolta, può capitare di svegliarsi già stanchi e, in questo caso, si parla di sonnolenza diurna

Stanchezza muscolare

È un tipo particolare di stanchezza fisica che colpisce soprattutto le gambe, le braccia e il collo. Si manifesta con una condizione di affaticamento muscolare che rende difficile lo stare in piedi (nel caso di stanchezza alle gambe), crampi e, in generale, difficoltà a muoversi. In questo caso, all'origine di questo disturbo può esserci anche un eccesso di attività sportiva, che può provocare la formazione di acido lattico nei musoli maggiormente coinvolti nello sforzo: se la quantità di acido lattico è tale da non poter essere smaltita agevolmente dall'organismo, questa sostanza finirà con l'accumularsi nei muscoli provocando debolezza, dolore e crampi. Infine, anche la disidratazione può provocare stanchezza muscolare alle gambe: se si beve poco o non si reintegrano i liquidi persi con la sudorazione si rende difficoltoso il trasporto di ossigeno, di glucosio e di altre sostanze nutritive verso i muscoli che, quindi, diventano "vittime" di stanchezza e fatica. 

Quando rivolgersi al medico?

I momenti di stanchezza mentale e fisica sono molto comuni e, come abbiamo detto, possono essere spesso causati anche da fattori esterni come i cambi di stagione. La stanchezza mattutina, ad esempio è una condizione normalissima e, in genere, non vi è di che preoccuparsi ma se il senso di spossatezza è talmente intenso da impedire il normale svolgimento delle attività quotidiane e non si conosce l’origine di questo disturbo, come ad esempio la carenza di ferro o la carenza di vitamine, allora è il caso di contattare il proprio medico.

Come combattere stanchezza e sonnolenza

Per ridurre il senso di stanchezza e affrontare una giornata piena di impegni con la carica giusta si può migliorare l’alimentazione introducendo cibi che contengono magnesio come le verdure a foglia verde, le banane, le mandorle, i piselli e il cacao amaro. Importante è, allo stesso modo, praticare regolarmente attività fisica, anche blanda, come una passeggiata di 30 minuti e dedicarsi ad attività che ci permettano di staccare la spina dalle normali attività in cui siamo impegnati. In più si possono assumere specifici integratori alimentari per avere più energia, come quelli a base di magnesio, potassio e vitamine del gruppo B. 

Patologie Correlate

Il nostro farmacista consiglia
€ 11,90 € 6,08