Con il passare del tempo e l’avanzare dell’età può verificarsi un lento ma costante calo del desiderio sessuale, definito anche disturbo da desiderio sessuale ipoattivo. Si tratta di una condizione fisiologica che inizia a presentarsi verso i 55 anni fino a raggiungere il suo apice verso i 70 anni e che è dovuta al fatto che gli ormoni che regolano il desiderio maschile e femminile iniziano a diminuire, già a partire dai 30 anni. 

Prima di analizzare nello specifico le cause che portano a questa condizione vediamo in che modo viene suddiviso: 

  • Permanente: indipendentemente dall'età, il soggetto che ne è affetto ha da sempre presentato questo disturbo.
  • Generalizzato: si verifica in soggetti che, pur cambiando partner, vivono il rapporto sempre con bassi livelli di libido.
  • Situazionale: è il disturbo che si verifica solo in determinate situazioni e/o contesti.
  • Acquisito: si sviluppa in base alle esperienze sessuali e alle aspettative che il soggetto nutre nei confronti dell'atto sessuale. 

Calo del desiderio maschile: le cause  

Contrariamente a quanto si crede, gli uomini, durante il corso della loro vita, possono attraversare dei momenti caratterizzati dalla mancanza di desiderio sessuale. Si stima che il 15% della popolazione di sesso maschile abbia problemi legati al desiderio sessuale, con percentuali che si alzano notevolmente nella fascia d'età compresa tra i 65 e i 75 anni. Le cause possono essere sia fisiologiche che psicologiche: dal punto di vista fisiologico si verifica un abbassamento dei livelli di testosterone nel sangue (ipogonadismo) poiché, con l'avanzare dell'età, è la produzione stessa di quest'ormone a diminuire. Quando si verifica questa condizione, l’uomo può andare anche incontro a problemi di erezione, perdita di forza (astenia), sensazione costante di stanchezza muscolare, perdita di peli corporei, diminuzione delle dimensioni dei testicoli. Dal punto di vista psicologico, le cause del calo del desiderio nell'uomo può dipendere da una reale difficoltà a mantenere l'erezione, a problemi legati all'eiaculazione precoce, a situazioni di tensione nella coppia e, in genere, nella vita di tutti i giorni. 

Calo nel desiderio nella donna 

La mancanza di desiderio sessuale femminile è causata sopratutto dagli squilibri ormonali che coinvolgono estrogeni, progesterone, cortisolo e testosterone che variano in base anche alla fase del ciclo mestruale, alla gravidanza e alla menopausa. Inoltre, con il passare degli anni, il livello di questi ormoni diminuisce: insomma, a 40 anni la mancanza di desiderio sessuale è una condizione fisiologica. Non bisogna però trascurare anche la componente psicologica: stress e mancanza di affinità con il partner possono provocare l'assenza del desiderio.

Cause mediche 

Le malattie della tiroide, dell'ipofisi, le malattie endocrine e quelle psichiatriche possono influire negativamente sul desiderio sessuale. 

Cause farmacologiche

L'uso di alcuni farmaci come gli antipertensivi, gli antidepressivi, gli antiepilettici, gli antinfiammatori steroidei e i neurolettici interferiscono con la libido. 

Cause relazionali

All'interno della coppia esiste un equilibrio sottile che, inevitabilmente si ripercuote anche nella vita sessuale. Se questo equilibro viene meno, soprattutto a causa di conflittualità non risolte, può essere messo in discussione anche il desiderio nei confronti del partner. A questi eventi vanno aggiunti fattori come la mancanza di attrazione e le scarse attitudini sessuali del/la compagno/a. 

Cause psicologiche

Come abbiamo anticipato, la componente psicologica è importantissima nell'ambito di una vita di coppia sessualmente soddisfacente: momenti di particolare stress, preoccupazioni, ansie, paura di una gravidanza, educazione religiosa troppo rigida, paura di invecchiare e di non essere attraenti possono costituire fattori che tendono a bloccare la voglia di avere un rapporto sessuale.  

Quali sono i sintomi?

Quando testicoli e ovaie non riescono più a secernere gli ormoni sessuali in maniera adeguata allora si parla di ipogonadismo, la condizione che genera la mancanza di desiderio sessuale femminile e maschile. Quando la libido si riduce, negli uomini possono presentarsi anche problemi erettili mentre nella donna si possono generare condizioni dolorose durante i rapporti sessuali.

Prevenzione

Non avere voglia di fare sesso, soprattutto dopo i 50 anni, è una condizione fisiologica che non deve destare preoccupazione. Drammatizzare o dare eccessiva importanza al fenomeno è sbagliato poiché si rischia di peggiorare la situazione, soprattutto dal punto di vista psicologico. Piuttosto, è bene dedicare maggiore attenzione al proprio corpo e fare di tutto per migliorare il proprio benessere, ad esempio curando l’alimentazione e praticando attività fisica regolarmente.

Calo del desiderio: i rimedi

Gli integratori sessuali che ti proponiamo qui sono tonici energizzanti a base di principi attivi naturali, come l’arginina, che aiutano l’uomo e la donna a ritrovare il desiderio sessuale e a vivere più serenamente la vita di coppia. 

Il nostro farmacista consiglia
€ 24,90 € 19,96