Con il passare del tempo, in maniera assolutamente naturale, i denti iniziano ad ingiallirsi, perdendo la loro brillantezza. In realtà, per loro natura i denti non sono proprio bianchi ma tendono ad assumere cromie che vanno verso l’avorio, indipendentemente dalle abitudini (sbagliate) che si possono prendere. Assodato che non è “naturale” avere denti perfettamente candidi, scopriamo i motivi per i quali i denti ingialliscono. La dentina, che è il tessuto che si trova sotto allo smalto e che è tendenzialmente gialla, viene ricoperta, appunto dallo smalto che, invece, è più bianco. Se, con il passare del tempo, lo smalto si assottiglia, allora tenderà a venire fuori il colore della dentina. È la genetica ad influenzare il colore finale che assumeranno i denti e le gradazioni di schiarimento che si potrebbero ottenere in seguito a uno sbiancamento. 

Denti ingialliti: quali sono le cause? 

Prima di dare la “colpa” alla genetica e considerarla come causa principale dell’ingiallimento dei denti, bisogna precisare che ci sono alcune abitudini errate che possono accelerare il naturale processo di ingiallimento dei denti. Tra queste, l’assunzione di alcune sostanze e alimenti che, se consumati regolarmente, possono provocare discromie e alterazioni del colore dei denti poiché i pigmenti contenuti in queste sostanze vengono assorbiti dallo smalto, che ha una consistenza molto porosa. In particolare, il caffè, il vino rosso, il tè, la liquirizia e il tabacco da masticare vanno ad intaccare lo strato di smalto che ricopre la dentina, trasferendo ad esso i loro pigmenti. Il fumo è un’abitudine deleteria per la conservazione del bianco naturale dei denti: le sigarette, infatti, trasferiscono catrame sui denti che, così come gli alimenti, viene “assorbito” dallo smalto che assume la caratteristica cromia grigiastra. Oltre ad alcuni alimenti e al fumo, anche un’igiene orale non adeguata provoca la formazione di tartaro e placca, che portano i denti ad apparire più gialli. Infine, come abbiamo detto, i denti tendono in maniera naturale, con il passare del tempo a diventare gialli: con l’avanzare dell’età lo strato superficiale di smalto diventa più sottile, mostrando la dentina che, come abbiamo detto, è più gialla dello smalto che la ricopre. 

alimenti che provocano i denti gialli

Denti gialli nei bambini

I denti gialli nei bambini si formano con estrema facilità e a causa di diversi fattori, tutti risolvibili in breve tempo. Sono interessati da questo fenomeno sia i denti da latte che quelli permanenti. Il motivo principale, quello più frequente, è riconducibile a una cattiva igiene orale: i bambini, in genere, non amano lavarsi i denti e quando lo fanno, raramente riescono a pulirli in maniera efficace. L'utilizzo di una quantità di dentifricio eccessiva, paradossalmente potrebbe far verificare l'ingiallimento dei denti a causa di un eccesso di fluoro: evento raro ma possibile. Anche i cibi che contengono molti zuccheri (succhi di frutta, cioccolato, dolci) e la liquirizia possono provocare i denti gialli nei bambini. Infine, una carenza di calcio potrebbe provocare questo anomalo ingiallimento. 

Anche se questo fenomeno interessa sia i denti permanenti che quelli da latte, sono questi ultimi ad essere maggiormente soggetti all'ingiallimento poiché sono più sensibili e meglio "attaccabili" da alcuni tipi di batteri. 

Domande frequenti sui denti gialli

I denti gialli possono tornare bianchi?
Sì, i denti possono tornare al loro colore naturale che, ricordiamo, non è bianco. Ovviamente, bisogna chiedere il parere del proprio dentista, che effettuerà una diagnosi, valutando lo stato di l'ingiallimento dei denti.

Quale colore di rossetto bisogna scegliere?
Se hai i denti gialli un rossetto di una tonalità calda potrebbe accentuare questo problema: meglio scegliere una tonalità fredda, che tende verso il viola e il magenta: contenendo del blu, questi colori contrastano il giallo dei denti facendoli apparire più bianchi.

Si può usare il bicarbonato per sbiancare i denti?
Il bicarbonato di sodio e l'acqua ossigenata sono considerati tra i più efficaci rimedi naturali per sbiancare i denti. Purtroppo, queste sostanze, oltre a rimuovere le macchie tendono a intaccare lo smalto, provocando danni più gravi dei denti gialli. 

Come evitare i denti gialli

Importantissimo, prima di ogni altra cosa, è curare l’igiene orale: lavare i denti almeno due volte al giorno e utilizzare dentifrici e collutori specifici previene la formazione della placca che è tra i responsabili dell’ingiallimento dei denti. In natura esistono degli alimenti “sbiancanti” che, mangiati dopo i pasti, favoriscono la rimozione degli alimenti che, durante la masticazione, possono attaccarsi ai denti. Tra questi, la frutta ricca di fibre e, in particolare, la mela. Un trucchetto efficace per continuare a bere caffè e tè senza preoccuparsi del fatto che potrebbero ingiallire i denti è quello di bere acqua subito dopo e “sciacquare” i denti con un breve gargarismo. Due volte all’anno, è bene recarsi dal dentista per effettuare una pulizia dei denti approfondita. 

€ 8,91 € 6,38
Il nostro farmacista consiglia
€ 16,13 € 8,99