L’orzaiolo è un’infiammazione delle ghiandole sebacee dell’occhio, generalmente di origine piogenica, localizzata all’esterno o all’interno della rima palpebrale. Può colpire un solo occhio (più comune) o entrambi. Si presenta inizialmente con un gonfiore e un arrossamento come una bolla dura, che, in seguito, può presentare al centro una punta giallastra, sintomo di infezione. L’organismo responsabile dell’infezione è generalmente lo stafilococco, ma può essere associato o una conseguenza secondaria a una blefarite.

Sintomi dell’orzaiolo esterno

• Lacrimazione;
• Prurito;
• Sensazione di corpo estraneo;
• Fotofobia (a volte);
• Arrossamento della palpebra;
• Dolore.

Come riconoscere l’orzaiolo esterno? Esso si presenta sul margine superiore o inferiore di una parte della palpebra, con una piccola, sensibile, tondeggiante area indurita. Il gonfiore, sebbene normalmente sia localizzato in tale area, può essere diffuso anche al resto della palpebra. Dopo circa un giorno, al centro della zona indurita, appare una macchia o un puntino giallastro, segno di suppurazione. Se l’ascesso si rompe e ne fuoriesce il pus, si ha un’immediata sensazione di sollievo e il dolore scompare. Importantissimo è non tentare di romperlo da soli!

Sintomi dell’orzaiolo interno

• Arrossamento intenso dell’occhio;
• Sensazione dolorosa;
• Lacrimazione;
• Gonfiore esteso;
• Fotofobia.

L’orzaiolo interno coinvolge una delle ghiandole del Meibonio ed è più serio e più fastidioso di quello esterno. L’ispezione della congiuntiva mostra un rigonfiamento che termina con una piccola zona giallastra, in corrispondenza della ghiandola coinvolta. Più tardi, compare l’ascesso vero e proprio, che però raramente si rompe spontaneamente. In questi casi è bene consultare uno specialista in oftalmologia. Le recidive non sono rare.

Cause dell'orzaiolo all'occhio

Le cause dell’orzaiolo sono principalmente di origine batterica. Come detto in precedenza, il batterio responsabile, il più delle volte, è lo stafilococco.
Altre cause comuni sono:

• Scarse difese immunitarie;
• Toccarsi gli occhi con le mani non pulite;
• Scarsa igiene personale;
• Non struccarsi gli occhi prima di andare a dormire;
• Una pregressa congiuntivite non curata;
• Utilizzo di trucco infetto.

L'orzaiolo è contagioso? 

Sì, essendo un'infiammazione di origine batterica l'orzaiolo è molto contagioso.

Come avviene il contagio?

L'uso condiviso di trucco per gli occhi o asciugamani con un soggetto infetto può causare il contagio. Anche se ci si sfrega l'occhio infetto e con la stessa mano si tocca l'altro occhio potrebbe essere motivo di diffusione dell'infezione.

Quanto dura l'orzaiolo? 

In media, entro una settimana dovrebbe sparire completamente.

Perché si guarda nella bottiglia dell'olio d'oliva in caso di orzaiolo? 

È uno dei più classici rimedi della nonna: sistema utilizzato nei tempi antichi ma ancora validissimo per lenire il bruciore e il gonfiore dell’occhio. Lasciare poche gocce sul fondo della bottiglia di olio d’oliva e posizionare l’occhio sul collo della bottiglia rovesciata.

Orzaiolo: come curarlo naturalmente

Nel caso di un orzaiolo esterno, si possono adottare alcuni rimedi naturali: 

• L’infuso di fiori di camomilla: fare bollire i fiori di camomilla, l’acqua deve essere calda ma non bollente. Immergere una garza sterile o un batuffolo di cotone nell’infuso di camomilla, e fare impacchi sull’occhio per almeno cinque minuti. Ripetere più volte nella giornata.
Tè verde: stesso procedimento come con i fiori di camomilla. Il tè verde ha grandi proprietà antinfiammatorie e antibatteriche;
Colliri a base di Eufrasia e Camomilla: ottimi rimedi per tutte le infiammazioni dell’occhio;
Gel puro di Aloe vera: da spalmare sulla zona colpita due o tre volte al giorno;
Olio d'oliva: oltre al rimedio che abbiamo già spiegato, in alternativa, utilizzare una garza pulita o un batuffolo di cotone imbevuto di olio d’oliva e fare degli impacchi più volte al giorno.
Acqua calda: Se non avete nessuna di queste sostanze a disposizione, potete fare degli impacchi con l’acqua calda per circa dieci minuti più volte al giorno. Il calore aiuta a fare fuoruscire il pus dando un immediato sollievo.

Pomate senza ricetta per l'orzaiolo

Per lenire il fastidio causato dall'orzaiolo e accelerare la guarigione di questo disturbo si possono applicare specifiche pomate e gocce oculari prima di ricorrere all'uso degli antibiotici. 

Il nostro farmacista consiglia
€ 6,50 € 3,75